Cosa sono il Bitcoin e le Criptovalute
Cosa sono i bitcoin e le criptovalute prima di comprare bitcoin, investire o fare trading



Cosa sono i Bitcoin e le criptovalute, investimenti e trading online sui bitcoin e criptovalute

Prima di comprare Bitcoin o altre criptovalute o prima di fare un investimento o trading online è consigliabile conoscere lo strumento che stiamo trattando.

Se fai una ricerca online troverai che l’inventore del Bitcoin è Satoshi Nakamoto, ma chi in realtà sia l'inventore non è molto chiaro, possiamo dire che però si tratta di una invenzione che potrebbe rivoluzionare oltre al mondo delle valute anche l'economia globale stessa. Dunque quando parliamo di Bitcoin facciamo riferimento a una criptovaluta, le criptovalute sono valute virtuali, nel caso specifico digitali. Cerchiamo di dare alcune nozioni di base per comprendere meglio cosa sono le Criptovalute Una criptovaluta è una valuta digitale che si differenzia dalle valute classiche sulla base del fatto che non risponde a una centralizzazione bancaria, nessuna banca centrale la emette, in alcuni casi è stabilito a priori il numero massimo in circolazione delle criptovalute e questo fa si che il valore delle criptovalute sia regolato dalla legge del mercato domanda offerta. Le critpovalute (ricordiamo che la più conosciuta e la più scambiata e con maggior capitalizzazione è il Bitcoin) sono regolate da software, teoricamente altamente sicuri, impenetrabili, da crittografia, per far si che non si possa contraffare la valuta digitale stessa. Una valuta come il Bitcoin acquista valore e credibilità quando in un determinato mercato viene utilizzata come strumento per fare acquisti di beni e servizi e questo è ciò che sta accadendo. Dove spendere le criptovalute e la più scambiata Bitcoin Per adesso è il mondo di internet il luogo dove le criptovalute possono essere spese con più facilità, ma esistono già commercianti e professionisti che accettano Bitcoin come mezzo di pagamento, esistono già carte di debito da utilizzare per il pagamento, esistono già bancomat (passateci il termine) per il prelievo di moneta tradizionale cambiata dal potenziale conto online dove abbiamo le nostre criptovalute (su questo torneremo dopo). Come abbiamo visto le valute digitali sono spendibili in alcune situazioni, ma la mancata capillarizzazione della spendibilità, fa si che si pensi di essere agli inizi di una trasformazione economica e culturale dove in futuro gli scambi siano governati dalle criptovalute, questo fa si che sempre per la legge della domanda e dell'offerta, ci sia una grande domanda che fa salire il prezzo dei Bitcoin e delle altre criptovalute. Questo spinge gli operatori del mercato a considerare le criptovalute come asset (entità materiale o immateriale suscettibile di valutazione economica) piuttosto che valute stesse. Difatti sono molti gli aspetti e i termini utilizzati che avvicinano il Bitcoin e le altre criptovalute all'Oro e anche su questo torneremo sopra in seguito. Abbiamo parlato di software e sicurezza dei Bitcoin che è la moneta digitale più conosciuta, quindi facciamo presente che stiamo parlando di qualcosa di rivoluzionario di un mercato molto più grande e più complesso e che sono oltre 1000 le criptovalute scambiabili e acquistabili. Cerchiamo adesso di approfondire l'argomento sicurezza, che sicurezza hanno le criptovalute? Il funzionamento delle criptovalute è strettamente legato a software e alla crittografia e alla tecnologia della blockchain, che introduce nel mondo informatico e della sicurezza un argomento rilevante e utilizzabile in molti settori oltre a quello delle valute digitali. La blockchain è un argomento da conoscere per capire meglio le criptovalute. Vediamo cos'è la blockchain La Blockchain nel caso specifico delle transazioni è una tecnologia che permette la creazione e gestione di un grande database. La caratteristica del Database Blockchain è nella parola stessa che la compone, Block che significa strutturato a blocchi e Chain che significa catena, nodi di rete e questo fa si che ogni transazione che circola nella rete sia validata dalla rete stessa. Detto così sembra molto complicato, in realtà è molto più semplice di quello che sembra. Un semplice database può risiedere in un computer o in un server, una blockchain risiede invece su un numero considerevole di computer, questo garantisce maggior sicurezza di fronte a un attacco informatico in quanto la vulnerabilità di un computer della rete non compromette la sicurezza di tutta la rete dei computer collegati e anzi è la rete stessa dei computer collegati e la propria sicurezza che non permettono al presunto hacker di violare la sicurezza del singolo computer. Spiegato a grandi linee il blockchain cerchiamo adesso di capire la relazione con le criptovalute. Il sistema Bitcoin traccierà le transazioni utilizzando due registri, il primo Transaction Chain che garantirà che chi spedisce denaro lo abbia veramente nel suo wallet che è in modo virtuale la cassetta di sicurezza dove avremo i nostri bitcoin (al wallet dedicheremo una pagina a parte), il secondo registro è appunto il blockchain che ne garantirà la sicurezza e l'inviolabilità. L’autenticità della transazione appunto è garantita dalla firma digitale composta da un algoritmo matematico di estrema sicurezza e è formata da una chiave privata e da una chiave pubblica. Chiarita a grandi linee e alla portata di tutti cos' la blockchain introduciamo nuovi concetti come blocchi, miner e nodo. I Blocchi sono costituiti da diverse transazioni e sono formati da un codice alfanumerico e i miners (minatori, parola che fa risalire ai vecchi minatori dell'oro) sono quelli che assumano il compito di verificare queste operazioni per creare nuovi blocchi. I miners per questo compito saranno ricompensati con Bitcoin in quanto sono di utilità al sistema delle Blockchain I miners per decifrare i codici utilizzano software dedicati e hardware potenti per fare milioni di calcoli al secondo. Ogni volta che un miner decifra e risolve uno di questi problemi matematici, si verifica la transazione ed un nuovo blocco viene completato e il miner viene ricompensato con Bitcoin, capiamo che questo è un argomento complicato e adatto agli specialisti e studiosi del settore informatico, pertanto ci fermiamo qui e torniamo a parlare delle criptovalute nel senso più comune del termine. Le criptovalute come valute digitali si possono classificare sulla base di alcune caratteristiche per le quali sono state ideate. E adesso allarghiamo un po' l'argomento che fino ad ora è stato riferito esclusivamente alla valuta digitale Bitcoin. Caratteristiche delle Criptovalute Alcune criptovalute hanno la caratteristica di essere ultraveloci per le transazioni e su queste prevale senza dubbio Ethereum, se invece facciamo riferimento all'offerta della moneta digitale torniamo al Bitcoin che come avevamo accennato prima sarà emessa virtualmente in un numero limitato che sarà 21 milioni e a calcoli approssimativi possiamo dire che sulla base delle emissioni fatte fino ad oggi, la totale emissione sarà raggiunta nel 2040 e non 20140 come si presumeva. Queste sono alcune delle considerazioni da fare sulle criptovalute, altre di estrema importanza per conoscere un po' meglio di cosa stiamo trattando sono individuabili e suddivisibile per le finalità che le valute virtuali hanno. Per esempio se l'obiettivo dell'acquirente di valute digitali è quello delle transazioni internazionali, le criptovalute ideali saranno i Bitcoin, Ripple, Litecoin, Stellar Lumens, Tether. Per esempio se abbiamo bisogno di criptovalute per la creazione di contratti intelligenti dovremmo acquistare criptovalute come Ethereum, Siacon, Maidsafe, Strrj. Per le transazioni specializzate saranno utili criptovalute come GameCredits e ReddCoin. Per le transazioni private invece hanno una buona capitalizzazione e diffusione Dash, Monero, ZCash. Ovviamente tutte queste criptovalute potete monitorarle nella sezione quotazioni di questo portale per scoprirne il prezzo, la capitalizzazioni e le percentuali di variazione nel tempo. Se volete invece comprare, investire o fare trading online su queste criptovalute vi metteremo a disposizione un elenco dei broker online che lo permettono e i dovuti rischi e vantaggi connessi. Il Concetto di Wallet, cos'è. Il Wallet altro non è che la cassetta di sicurezza dove potete mantenere le vostre criptovalute, dove saranno depositate qualora le compraste, in altre parole il Wallet rappresenta il portafoglio delle criptovalute. Anche il Wallet in pratica è un indirizzo criptato e registrato nella blockchain e è da qui si può dire con fermezza che al momento attuale stiamo parlando di qualcosa di estremamente sicuro e inviolabile. Ogni Wallet ha un proprio indirizzo pubblico che sarà utile per scambiarsi, acquistare, vendere valute digitali, beni o servizi (come il vecchio iban). Ogni wallet ha anche un indirizzo privato utile per controllare e gestire appunto in modo privato il proprio wallet, utilizzando una serie di chiavi di accesso da mantenere in modo segreto e da non rivelare a nessuno. Queste cassette di sicurezza virtuali possono essere detenute in vari modi, ci sono i wallet online che come dice la parola stessa risiedono online e possono essere utilizzati e controllati direttamente con una connessione e non sono molto sicuri. Sempre online ma più sicuro del precedente è il wallet mobile usato con l'ausilio di apposite app, che permette di gestire e mantenere le proprie criptovalute nel proprio smartphone. Il wallet desktop è simile al wallet mobile ma anziché essere nello smartphone è nel pc che usiamo. Vediamo adesso come comprare le critpovalute e come comprare bitcoin. Anche se può sembrare difficoltoso in realtà è molto facile comprare Bitcoin e altre criptovalute Dobbiamo capire prima di tutto che la legislazione relativa alle criptovalute non è uguale per tutti gli stati e da qui che dovete fare una valutazione su come comprare Bitcoin, per esempio capire in che modo volete pagare la quantità acquistata, in contanti, con bonifico, con post pay, con pay pal, quali informazioni volete divulgare, volete rimanere anonimi o no. Trattandosi di scambi monetari, ovvero di compravendita, gli operatori che venderanno bitcoin dovranno attenersi alle normative sull'antiriciclaggio e per controllare e verificare l'autenticità di chi effettua le transazioni, il cosiddetto KYC, Know Your Customer. Quando troverete la dicitura No KYC. vuol dire che la piattaforma online vuole sapere chi siete, ma questo è a nostro avviso alquanto rischioso e particolare quindi ci atteniamo alle formule di compravendita più classiche. Chiaramente per l'acquisto di Bitcoin dovrete avere a disposizione un documento di identità, una email e spesso un numero di telefono per la conferma, uno strumento di pagamento come Carte di Credito, Post Pay, Pay Pal (raramente e con ulteriori commissioni), bonifici bancari, in contanti. Con il Bonifico bancario i tempi di attesa per l'accredito dei Bitcoin sarà generalmente da 1 a 3 giorni lavorativi. Con le carte di credito la compravendita di bitcoin è più veloce e sicura e per la maggior parte dei casi la più accettata. Con PayPal, quando accettato, ma con il lato negativo che si aggiungono ulteriori commissioni per la compra vendita Esistono anche mezzi di pagamento privati come Cash, Western Union ma spesso non vengono accettati dalle piattaforme per la compravendita di bitcoin In contanti attraverso gli sportelli ATM che non vanno considerati come i classici Bancomat, da utilizzare con le carte di debito, sono dei macchinari dove introdurre euro in contanti per avere accreditato Bitcoin sul proprio portafoglio elettronico wallet Esiste un sito internet Coinatmradar.com con una mappa aggiornata per vedere dove sono fisicamente gli ATM. Come detto esistono delle vere e proprie piattaforme specializzate nella vendita e per lo scambio di Bitcoin, alcune le vendono e le accreditano nel vostro portafoglio, altre molte conosciute dai navigatori, come Coinbase e Circle mettono a disposizione nella loro piattaforma un wallet (cassetta di sicurezza) Alcune piattaforme si comportano come dei veri e propri broker, ovvero danno la possibilità all'acquirente di stabilire un prezzo di acquisto o di vendita dei bitcoin, chiaramente sotto una dovuta commissione. A proposito di commissioni è giusto ricordare che sia i tipi bancomat anomali ATM, gli operatori online, i broker e chiunque venda bitcoin guadagnerà sulle commissioni che dovrete pagare come utenti nella compravendita . Fra le piattaforme P2P Peer to Peer (sistemi che funzionano come un collettivo organizzato) la più conosciuta è LocalBitcoins con la quale si possono acquistare bitcoin e altre criptovalute utilizzando molteplici metodi di pagamento e sul quale potrete comprare bitcoin sia online che in contanti. Molte conosciute e molte liquide sono anche le piattaforme Bitcoin.de e Bitsqaure Un'altra possibilità per investire in bitcoin è quella di non entrare direttamente in possesso delle criptovalute e di non vedersi accreditati i bitcoin ma degli strumenti come i CFD (contratti per differenza) che consentono di guadagnare sulla variazione di prezzo, questi c'è da ricordare che sono strumenti con una leva finanziaria, molto redditizi ma anche molto rischiosi, pertanto vi rimandiamo alla sezione apposita. Il trading online delle criptovalute Alcuni broker online già specializzati da anni nel trading online sui futures, azioni, cfd, offrono oggi la possibilità di tradare anche le criptovalute più scambiate e quindi Bitcoin, Ethereum, Ripple, Litecoin, Dash, Neo, Nem, Monero e altre. Il Mercato delle valute con minor capitalizzazione e minori scambi è il mercato delle Altcoin, vi è poi il mercato delle ICO Initial Coin Offering, che significa offerta iniziale di monete e dove una nuova azienda con progetti collegati alle valute digitali riceve denaro da investitori privati per finanziare il proprio progetto e se questo avrà successo, coloro che avranno contribuito riceveranno una ricompensa in criptovalute, questo è un nuovo concetto che le aziende usano per finanziarsi, tale metodo è detto crowdfunding. Per comprare Altcoin, Criptovalute, Bitcoin è sempre bene affidarsi a piattaforme specializzate e affidabili, per esempio fra le più accreditate in ambito web sono gli exchange: Poloniex, Kraken, Coinbase, The Rock Trading, Bitstamp, Bitfinex, ShapeShift Molto spesso queste piattaforme danno la possibilità di usare una leva che deve essere garantita dal deposito che avete nel conto. Potete anche valutare di investire in Bitcoin anche con l'utilizzo dei CFD e per il trading online sulle criptovalute vi consigliamo di leggere questa pagina per comprendere meglio alcuni aspetti del trading sulle valute digitali. Questo comunque è un elenco di alcuni broker conosciuti e affidabili che vi daranno la possibilità di fare trading online con i CFD sulle criptovalute più scambiate come Bitcoin, Ethereum, Dash, RIpple e altre criptovalute: Etoro, Plus 500, Markets, Avatrade Per chi volesse approfondire o è già a conoscenza del trading online, questi broker mettono a disposizione tutti gli strumenti di studio per l'analisi grafica e analisi fondamentale del mercato, per l'esattezza strumenti di analisi tecnica, capitalizzazione, quantità emesse, volumi scambiati e news. Noi di valutebitcoin.com invece vi mettiamo a disposizione le quotazioni in tempo reale delle Altcoin e delle criptovalute più scambiate, grafici in tempo reale, la variazione in percentuale dell'ultima ora, delle ultime 24 ore, dell'ultima settimana, la capitalizzazione, la disponibilità, il totale in circolazione e spesso pubblicheremo aggiornamenti, notizie, le nostre analisi sulle criptovalute e specializzate nel mercato dei Bitcoin.